L'informazione fuori dal gregge

Category archive

Home

Festival delle Letterature Migranti 2017

in Cultura/Home di

150 ospiti, 100 incontri, 50 libri, 15 luoghi che costruiscono una vera e propria guida interpretativa al nostro Contemporaneo: torna a Palermo dal 4 all’8 ottobre la terza edizione del Festival delle Letterature migranti

Torna dal 4 all’8 ottobre a Palermo il Festival delle Letterature migranti, promosso dal Comune di Palermo e dall’Associazione Festival delle Letterature migranti. Centinaia di autori da tutto il mondo, artisti, registi, giornalisti, docenti per raccontare le migrazioni come condizione ordinaria, e non più straordinaria, della vita dei popoli. 100 incontri e 50 libri che costruiranno una vero e proprio cifrario del contemporaneo. Un Festival che valorizza la natura migrante della stessa letteratura e gli autori capaci di dialogo tra culture differenti.

Tra i tanti ospiti: il pianista Ramin Bahrami; gli artisti Gili Lavy, Luigi Serafini, Letizia Battaglia, Serena Vestrucci; gli scrittori Fabrice Oliver Dubosc, Luca Briasco, Massimo Zamboni, Patrick Ourednik, Moshe Khan, Frank Westermann, Mustafa Khalifa, Flore MurardYovanovitch, Francesca Borri, Shady Hamadi, Mia Lecomte, Samar Yazbek, Anilda Ibrahimi, Francesca Melandri, Giordano Meacci, Leonardo Bianchi, Alessandro Portelli, Giosuè Calaciura, i giornalisti Marco Revelli, Corrado Stajano, Piero Melati, Domenico Quirico, Donatella Di Cesare, la regista Sue Clayton, l’onorevole Luigi Manconi, gli studiosi Paolo Fabbri e Franco Farinelli, il critico Dario Zonta, l’attore Vincenzo Pirrotta.

Il programma dell’iniziativa si annuncia ancora più denso e articolato rispetto alle edizioni precedenti con decine di tavole rotonde, presentazioni di libri, incontri nelle scuole, letture, workshop, mostre, proiezioni cinematografiche, performance teatrali, un inedito progetto musicale e un unico punto di vista: quello della mobilità come diritto, dell’incontro tra culture e del dialogo tra fedi differenti.

Protagonista, ancora una volta, sarà il centro storico di Palermo, città multiculturale per geografia e vocazione, territorio di accoglienza e integrazione di popoli e di lingue che ospiterà gli incontri in ben 19 sedi: all’Archivio Storico, a Palazzo Steri, a Piazza Bellini, a Palazzo delle Aquile, al Teatro Biondo, alla GAM, al Teatro Massimo, al Museo Pasqualino, nell’Aula Magna della Facoltà di Giurisprudenza, a Palazzo Branciforte, al Museo Salinas, al Teatro Garibaldi, all’Accademia di Belle Arti, al Conservatorio Bellini, al Complesso di Sant’Antonino, alla Biblioteca comunale di Casa Professa, alla Missione di Speranza e Carità, all’Arsenale Regio, a Èglise.

SCOPRI TUTTO IL PROGRAMMA DEL Festival delle Letterature Migranti [letterature/musica/cinema/arti visive]

Le letterature

Il Festival propone cento conversazioni letterarie a partire da 50 libri a cui prenderanno parte circa 150 tra autori e discussant (una comunità, questi ultimi, di autori, critici, docenti, esperti e giornalisti palermitani o a Palermo residenti). Il programma letterario è diviso in sei cornici tematiche: la sezione Alfabeti dedicata ai fenomeni della contemporaneità; Lost (and Found) in Translation sul tema della traduzione; Palermo a pezzi sul racconto della città di Palermo; Meticciati in cui si riflette sull’esperienza della mescolanza; la sezione Terre perse dedicata al tema dei luoghi che mutano la propria identità; Come stare al mondo, sezione che ospita interventi di autori che in modi diversi – dalla scrittura narrativa al reportage televisivo – si confrontano con il racconto di come gli esseri umani stiano al mondo.

Il programma, redatto da un comitato guidato da Davide Camarrone, direttore del Festival, giornalista e scrittore, e dallo scrittore Giorgio Vasta, costituisce una sorta di guida al Contemporaneo, di canone, di cifrario per l’interpretazione del tempo convulso che stiamo vivendo: attraversato da migrazioni di popoli e di culture, sconvolto da un’emergenza ambientale e da crisi e conflitti. Tra gli autori, numerosi testimoni italiani, europei e provenienti dall’Africa, dal Medio e dall’Estremo Oriente. Tra questi segnaliamo Frank Westerman, giornalista e scrittore olandese, la scrittrice e giornalista Flore Murard-Yovanovitch, lo psicologo Fabrice Olivier Dubosc, che riflette sulle possibili forme di una psicologia coloniale, la scrittrice e giornalista siriana Samar Yazbek, lo scrittore ceco Patrik Ouredník.

Dichiarano il sindaco Leoluca Orlando e l’assessore alla Cultura, Andrea Cusumano

 

“Il Festival delle Letterature Migranti ha a Palermo la sua più naturale collocazione perché Palermo è sempre più la capitale dell’incontro fra le culture e delle culture migranti e dei migranti. Il calendario di questa terza edizione si preannuncia pieno di eventi, incontri e stimoli che sono, materialmente e nello spirito, un prologo a quanto stiamo programmando per l’anno in cui Palermo sarà capitale non solo della cultura italiana, ma soprattutto delle culture che qui hanno luogo di espressione e reciproco arricchimento”.

Dichiara Davide Camarrone, direttore artistico del Festival

“Questa terza edizione proporrà non un semplice programma letterario, un calendario di appuntamenti, ma una sorta di canone interpretativo: 50 libri di 50 autori, non tutti ancora in vita, che giudichiamo essenziali alla comprensione del Contemporaneo. 50 libri da leggere in un anno. 50 libri per circa 100 incontri, sui temi delle migrazioni fisiche e di quelle immateriali. Grande spazio alle storie, alle avanguardie, ai diritti umani, al tema delle traduzioni e della conoscenza di culture differenti. Abbiamo verificato quale sia l’interesse degli autori e delle case editrici, e abbiamo ricevuto sostegno e incoraggiamento. E poi, l’arte contemporanea, con nuove importanti partnership (tra le quali Contrasto e Merz), la musica, con la residenza di Ramin Bahrami, il cine doc e la collaborazione con il Teatro Biondo. Differenti linguaggi, migrazioni tra generi e narrazioni. E infine, abbiamo messo insieme decine di istituzioni e fondazioni, soggetti pubblici e privati, esponenti di comunità e religioni differenti. Oltre cento, gli appuntamenti. Grazie ad una squadra di consulenti davvero straordinaria (Giorgio Vasta, Agata Polizzi, Dario Oliveri, Andrea Inzerillo), ad un comitato scientifico costituito da docenti e intellettuali e ad un team organizzativo esperto e instancabile. Tanti i discussant con i quali gli ospiti si confronteranno: una comunità tutta palermitana, perché Palermo è un luogo interessante, un interessante punto di vista ma è soprattutto un’interessante griglia interpretativa del nostro tempo. Tanti, i volontari. Per un’altra parola chiave del nostro tempo: condivisione. In una città accogliente. Per il Comune di Palermo, primo sostenitore della manifestazione, il Festival delle Letterature migranti è una scelta strategica, che dice della città, del cammino percorso e del suo ruolo di pace e dialogo nel Mediterraneo, in un momento molto difficile”.

 

Allerta meteo Sicilia

in cronaca/Home/Palermo/Venezia di

[PALERMO] All’una della notte del 11 settembre si è scatenato un forte nubifragio come previsto dall’allerta meteo diramata dalla Protezione civile della Regione siciliana che ha diramato un preallarme arancione. Come da previsione molte le città colpite della Sicilia tirrenica.

Palermo subito in tilt dopo pochi minuti dall’inizio della perturbazione. Danni, feriti e molteplici disagi registrati nella prima ora di maltempo.

Quando il buongiorno non si vede dal Mottino

in cronaca/Home/Social di

Tanto – troppo – si è detto sulla famigerata pubblicità del Buondì Motta, che ha avuto l’ardire di sacrificare sia la mamma che il papà di una ragazzina innocente (peraltro definita una “deficiente odiosa” nel migliore dei casi, alla faccia del garbo e dei buoni sentimenti) sull’altare dell’ironia. Ed è, molto evidentemente, l’altare di una chiesa che in molti hanno smesso di frequentare. Peccato.

Peccato perché potremmo farci tutti una sonora risata se, diradatosi il polverone, saltasse fuori che il caso mediatico è stato gonfiato ad arte dagli stessi autori dello spot – e non è per fare i  complottisti, c’è un po’ po’ di letteratura su questo genere di marketing “monello”, che dai principi dell’agenda setting ha fatto derivare pratiche assai più becere di manipolazione dei media. Tutto, insomma, purché se ne parli (e anche questa, ça va sans dire, non è farina del mio sacco).

Peccato anche perché non c’è, credo, nessuna differenza tra la violenza delle immagini che quest’orda di perbenisti si affanna a denunciare, e quella delle espressioni usate per esprimere il… vabbé, chiamiamolo “dissenso”. Anzi no, la differenza c’è ed è sostanziale: la prima è solo presunta, e se ci togliessimo i paraocchi saremmo in grado di vedere che è tutto talmente, palesemente, indiscutibilmente surreale e iperbolico che – toh, guarda, si stava a scherzà. È la seconda, la violenza dell’accanimento, dell’animosità e degli insulti senza filtri quella reale e  tangibile, concreta anche se fatta di pixel, più minacciosa perché sostenuta e fomentata da una certa dilagante, condivisa ottusità.

Io penso, molto francamente, che quelli di Saatchi & Saatchi abbiano fatto un ottimo lavoro. E “fare il loro gioco” scrivendo l’ennesimo articolo sul tema non mi turba; non è questo il punto. Così come il punto non è assolutamente snobbare o denigrare quelli che la battuta, qualsiasi sia la ragione, non l’hanno capita: loro non hanno riso, questo resta un fatto. Amen.

motta bondì
img. Antonio Viscido

Mi disturba, invece, e pure assai, il fatto che i social media stiano diventando i canali di un’indignazione aprioristica e indiscriminata; che sempre più spesso tendiamo a confondere il diritto – sacrosanto – di avere un’opinione sulle cose con il supposto dovere morale (ma de che?) di intavolare un dibattito in mondovisione su qualsiasi banalità, pretendendo che assuma la dignità di un affare di stato.

Nello specifico, per quelli come me che hanno studiato (o si interessano di) comunicazione, analizzare come una campagna di advertising riesca a trasformarsi in una notizia è interessante. Occhio però, in generale, alle “cause” a cui più o meno consapevolmente dedichiamo la nostra attenzione, e ai toni che scegliamo di usare. Grazie ai social, possiamo tutti contribuire a decidere l’ordine del giorno; il rischio più grande, tuttavia, è quello di avere un’agenda settata – vogliano perdonarmi i raffinati e i puritani – solo sulle minchiate.

È morto Massimo Amato, la storia del clubbing in Sicilia, domani i funerali.

in cronaca/Home/Palermo di

È MORTO MASSIMO AMATO:
Ieri a Palermo, per via di un male incurabile, si è spento il celebre organizzatore di eventi, Massimo Amato, aveva solo 52 anni. Tutto il settore piange la sua scomparsa, uno dei primi promotori del movimento house in sicilia, un’infinità di parties ed artisti. Partito dal Rebibbia Club ha proposto i migliori djs del mondo, diventando un’icona a Palermo. Già negli anni novanta Massimo aveva le idee chiare, la sua “Religion Dance Event” ha segnato un’era per i palermitani, portando Amato fino alle porte dello Space Ibiza, quest’utlimo lo aveva chiamato per la promozione del party “Gorgeous” nell’Isla spagnola.

LE ULTIME FESTE:

La sua storia recente è fatta di after, feste di nicchia e ospiti ricercati, ma non solo, la sua grande amicizia e la stima reciproca con Fabrizio Lo Cascio, lo ha reso protagonista delle ultime stagioni del Mob e di recenti concerti come quello dell’artista berlinese Paul Kalkbrenner, se c’è un uomo a cui sicuramente i clubbers siciliani devono molto, quello è Massimo Amato.
Alcune voci di corridoio, dicono che abbia chiesto proprio a Lo Cascio di portare avanti il suo ultimo progetto Area 5.1, perchè anche quando la salute cominciava a scarseggiare, l’unico pensiero di Massimo erano le feste, quelle per cui ha sempre vissuto, quelle che lo hanno reso uno dei più grandi, quelle per cui ci mancherà un amico, un fratello, un compagno, ma soprattutto un irripetibile professionista.

PIANGE LA SICILIA MA NON SOLO:

La compagna Laura chiede al web di rendere il giusto onore al suo nome, ma il web aveva già dato il suo responso, conferendo a Massimo la corona di re assoluto del movimento house in Sicilia.
Il celebre duo “Neverdogs” addirittura scrive: “Un ultimo saluto ad una persona speciale che nel 2005 ci ha dato la possibilità di suonare per la prima volta ad Ibiza allo Space. Ha reso un nostro sogno realtà. Non ti dimenticheremo mai Massimo Amato . Fai Buon Viaggio”. Anche i napoletani di Angels of Love lo ricordano su facebook, proprio come fa Lello Mascolo, dj storico di radio 105 che lo ricorda così: “ci credeva e ci ha sempre creduto, con l’entusiasmo di un bambino, ho sempre ammirato il suo amore incondizionato per il mondo della notte”.

I FUNERALI:

Per chi ha il piacere di rivolgergli un ultimo saluto, i funerali si terranno a Palermo, giorno 10 agosto alle ore 11:30 nella chiesa di Sant’Eugenio a piazza Europa.

Ciao Massimo, fare festa con te era più bello.

 

 

 

 

 

Rivoluzione nell’industria del sesso. È arrivata Harmony

in Home/Tecnologia di

L’intelligenza artificiale trova applicazione in un ambito molto proficuo, quello del sesso, con un’invenzione molto particolare.

Stiamo parlando di Harmony, il robot del sesso che entrerà in commercio entro la fine dell’anno.

Il robot è stato ideato da Matt McMullen, fondatore di un’azienda che produce bambole in silicone, e somiglia più a una pornostar che a una comune donna. Con il “sex robot” l’umanità potrà dire addio alle bambole gonfiabili di una volta. Il Guardian, quotidiano londinese, annuncia una vera e propria evoluzione “2.0” di RealDoll, il modello precedente.

La caratteristica più straordinaria di Harmony è che il sex robot umanoide è in grado di interagire con il proprio proprietario. Parla, sorride, sbatte le ciglia e basta premere un pulsante per essere accontentati. Il “sex robot” prende l’iniziativa, elaborando dati e imparando cosa è in grado di procurare piacere sessuale e cosa no, proprio come una donna vera.

Con l’arrivo di Harmony non sono mancate le polemiche da parte dei femministi: “Le donne non sono oggetti da comprare, iniziative come queste sono discriminatorie, sessiste e riprovevoli”.

Ma McMullen replica:

È molto semplice: rendere la gente felice. Ci sono un sacco di persone che, per una ragione o per l’altra, hanno difficoltà a formare una relazione. Con Harmony ci proponiamo di dare a costoro un certo livello di compagnia, o almeno l’illusione della compagnia

Nicolae, il topo d’appartamento romeno: “Grazie a Dio abbiamo un buon avvocato e voi avete delle pessime leggi”

in cronaca/Home di

Nicolae V. è un romeno di 58 anni, che ha raccontato a Il Tempo perché ha scelto di esercitare la sua “professione”  in Italia e non nel proprio Paese.

Io rubo in Italia perché è molto più sicuro

L’uomo, che come avrete ben capito è un ladro, racconta di essere anche un carpentiere e proprio grazie al suo mestiere ufficiale riuscirebbe a intrufolarsi negli appartamenti dei malcapitati per ispezionarli.

Ufficialmente faccio il carpentiere. Non lo nascondo, mi aiuta: se entro in una casa in modo ufficiale poi per me è più facile tornarci in altro modo. Entro in casa, guardo, osservo, noto anche che vita fanno i padroni di casa, se hanno animali, se ci sono vecchi all’interno o baby sitter. Spesso così facciamo le doppie delle chiavi

Il malvivente spiega perché l’Italia è il Paese ideale per lui e per i suoi “colleghi”:

“Qui in Italia il vero rischio, per noi, è di ritrovarci davanti qualcuno armato oppure di incrociare una volante della polizia. Altrimenti è un gioco da ragazzi. Raramente chi ci sorprende reagisce. Il primo impatto è di incredulità, prima che capiscano qualcosa passa tempo”.

E continua:

Altre volte io e i miei compagni abbiamo commesso qualche errore e ci hanno arrestato. Grazie a Dio abbiamo un buon avvocato e voi avete delle pessime leggi. In Romania certe cose non sarebbero permesse, finisci dentro e non esci più. E lì da noi sono cattivi. Diciamo che per fare quello che facciamo noi, l’Italia è un posto ideale. A volte ci sorprendiamo anche noi per la velocità con cui usciamo. Ma non è sempre così, cambia da giudice e giudice

 

“IO SONO QUI”, un documentario di denuncia e testimonianze

in Cultura/Home/Palermo di

Quasi mille persone presenti la scorsa domenica al teatro Politeama di Palermo per la presentazione del documentario “IO SONO QUI” di Gabriele Gravagna, co-fondatore del collettivo On The Road Again Pictures.

Gabriele, classe 1986, è un giovane palermitano, che come tanti è stato costretto a cambiare città per seguire le proprie aspirazioni e per realizzare i propri sogni. Il documentario, che è stato girato a Palermo e che racconta le storie di alcuni ragazzi migranti e il lavoro degli operatori dei centri di accoglienza, è nato quando Gabriele ha accettato l’invito dell’Associazione Asante Onlus. L’obiettivo era quello di raccontare il fenomeno dell’immigrazione minorile, il funzionamento di un Centro di Prima Accoglienza per minori stranieri non accompagnati e il loro processo d’integrazione nella società d’arrivo.

Abbiamo intervistato Gabriele, che ci ha raccontato e spiegato questo progetto, che ha suscitato interesse e solidarietà tra coloro i quali hanno preso parte all’evento di domenica.

DA COSA È NATA QUESTA IDEA?

L’idea è nata dall’incontro tra me e alcuni responsabili del Centro di Prima Accoglienza. Quando ci siamo conosciuti, ci siamo chiesti che cosa sarebbe successo se avessimo raccontato le storie di questi ragazzi e il funzionamento del Centro di Prima Accoglienza. Abbiamo lavorato intensamente per circa due settimane. Poi mi sono accorto che per completare il lavoro era necessario raccontare il punto di vista dei ragazzi in maniera diretta“.

La particolarità del documentario è la descrizione realistica– e non costruita- delle vite dei ragazzi protagonisti. Gabriele spiega il perché di questa scelta con un semplice dettaglio: “Abbiamo scelto di non doppiare. I ragazzi hanno raccontato le loro storie e hanno comunicato con la loro tensione e le loro emozioni“. 

Il giovane regista racconta anche il fine di questo interessante progetto, che vuole essere “un lavoro divulgativo, drammatico ma non leggero, che punti sull’emotività ma che non diventi solo denuncia”. Infatti, “IO SONO QUI” vuole essere un modello di accoglienza, in questo caso proposto dall’impeccabile lavoro dell’Associazione Asante, ma replicabile- perché no- da altri centri di accoglienza.

“PER CONTRASTARE UN PREGIUDIZIO BISOGNA SMENTIRLO”

L’idea è quella di denunciare gli aspetti drammatici e inaccettabili, ma al tempo stesso dare una collocazione a livello sociale a queste persone, non concentrandosi soltanto sulla drammaticità del viaggio.

Il nostro è un approccio realistico e positivo nei confronti di una realtà drammatica, che purtroppo esiste. A livello mediatico è molto importante denunciare, ma ritengo che dobbiamo prestare attenzione ad altri aspetti. Se la gente continua a percepire il fenomeno dell’immigrazione come un disagio, non riusciremo mai a contrastare l’odio e altri sistemi di pensiero che non portano all’interazione. Per contrastare un pregiudizio bisogna smentirlo e questo documentario smentisce un grande pregiudizio.

Come già detto, il documentario racconta storie vere. I tre protagonisti principali, Omar, Magassouba e Dine, hanno catturato l’attenzione di tutti i presenti. Gabriele, che ha lavorato con loro sul campo, ce li racconta ancora un po’:

Sono eccezionali. Detto da loro, attraverso le interviste realizzate hanno avuto la possibilità di liberarsi da un peso, scoprendo la necessità di raccontarsi e di condividere queste storie. Ora vanno in giro per le scuole, raccontando il loro viaggio e questo diviene terapeutico per loro e utile per la società“.

il documentario racconta anche la storia della famiglia Pericolo, che ha accolto in casa propria Omar, uno dei tre ragazzi protagonisti. Il regista racconta il proprio incontro con questa famiglia:

Dalla mia esperienza vedo più integrazione e condivisione nei quartieri del popolo. È lì che la gente sembra accettare di più lo straniero; forse perché lavorano insieme, condividono lavori precari insieme e la famiglia Pericolo, così come ha aperto le porte a Omar le ha aperte a noi!

“UN PALERMITANO CHE ELOGIA UN ALTRO PALERMITANO”

E, infine, conclude con un importante messaggio:

Sono stato felice di aver visto il teatro pieno di persone e non l’avrei mai detto. È tempo di parlare di questo argomento e dovrebbe essere presa in considerazione ogni storia di accoglienza. L’immagine più bella che mi rimarrà è di Omar che dopo aver preso la parola, chiede immediatamente un applauso per la famiglia Pericolo e la gente in piedi che applaude. È un migrante che dice a un palermitano di elogiare un altro palermitano. E altrettanto bello è stato poter vedere il lavoro appassionato di giovani professionisti italiani all’interno dei centri di accoglienza

 

Palermo, Just Wine arriva in città con il giovane siciliano Enrico Gugliotta

in Cultura/Home/Palermo di

Da Milano è arrivata una novità a Palermo. Si tratta di Just Wine, un evento nato da un’ idea, trasformata in realtà da un gruppo di ragazzi. La novità di Just Wine consiste nell’organizzazione di serate che uniscano- a un prezzo standard – cena, drink e musica.

A Palermo Just Wine  arriva per la prima volta stasera, grazie al contributo di un ragazzo, Enrico Gugliotta, futuro enologo e wine lover. Sarà proprio lui a gestire l’intera serata.

Con entusiasmo Enrico racconta la propria motivazione, concentrandosi sul valore della realtà enologica in una regione come la Sicilia. La parola d’ordine è “sfida”:

Ho deciso di accettare non una, ma più sfide. La prima sfida sarà riuscire a rendere unica una serata, nonostante in città ci siano già organizzazioni di spessore. La seconda è quella di riuscire a far capire l’essenza di Just Wine: un nuovo format capace di unire buon cibo, buon vino e buona musica. Tutto sotto un unico tetto.

“La sfida enologica”

Ma la sfida più importante penso possa essere quella enologica. Siamo in Sicilia, la regione con la più alta percentuale di biodiversità. Si stima che solo come varietà di vitigni autoctoni in Sicilia ve ne siano iscritti ufficialmente circa 60, mentre altri sono in via di ufficializzazione e superano le 150 varietà. Sono numeri pazzeschi, ma c’è un problema: i vini siciliani per quanto possano essere buoni, non beneficiano del rispetto che meritano. La causa, secondo un mio parere e quello di docenti e colleghi, risiede nell’assenza di Wine marketing. Siamo nel 2017 ed è davvero ardua l’impresa di trovare vini moderni con bottiglie nuove

L’intento di Enrico è quello di studiare il comportamento dei consumatori, in occasione di una serata mondana, tramite studi statistici e test edonistico facciali.

Enrico è un giovane con le idee molto chiare e con entusiasmo annuncia un nuovo progetto:

Se l’evento andrà bene, girerò in lungo e  largo la Sicilia per poter far provare al pubblico ogni vino e creare settimanalmente degustazioni, anche se in modo alternativo. Il vino siciliano merita rispetto e a mio parere non ne ha ancora abbastanza

 

 

 

“Sei tu in questa foto?”, Attenzione al virus su facebook.

in Home/Tecnologia di

Moltissimi utenti sono stati colpiti da un virus, che circola su Facebook nelle ultimissime ore.

ATTENTI AL MESSAGGIO

Il virus in questione si diffonde tramite un messaggio ingannevole: “Sei tu in questa foto?

Non apritelo! Sembrerà un normale messaggio ricevuto da uno dei vostri contatti che rimanderebbe a un innocente link di Youtube.

In realtà, è una trappola utilizzata per invogliare gli utenti a cliccare. Basta un click e il virus si diffonderà ai vostri contatti attraverso il vostro account.

Bagheria, grillino prima rinuncia ai soldi e poi se li riprende

in Home/politica di

Rinunciare si, ma solo in campagna elettorale. A Bagheria un ex assessore della giunta guidata dal sindaco Patrizio Cinque, ha pensato di fare una bella furbata. Infatti nel sito del comune di Bagheria se si spulcia nell’albo pretorio una atto di liquidazione non passa certo inosservato. Atto liquidazione con nome omesso, come si può leggere si tratta di 17 mila euro “restituiti” a x, il nome infatti viene omesso,  comprensibile, almeno la faccia la si vuole preservare. L’assessore anonimo in questione si legga nella nota, è stato in carica dal 17/06/2014 al 16/02/2016, e inizialmente aveva predicato in campagna elettorale che avrebbe destinato il suo 30% per un “fondo di solidarietà per le emergenze sociali”. Peccato però che le somme erano si state depositate, ma mai utilizzate cosi, Luca Tripoli, nome oscurato in determina, ma facendo due calcoli sulla data dell’incarico si risale subito al suo nome, ha deciso di batter cassa richiedendo, con tanto di nota scritta, i suoi 17 mila euro. Siamo leali, qui nessun dice che i soldi richiesti sono illegittimi, però viene meno l’onestà intellettuale verso gli elettori bagheresi. Una questione di opportunità, insomma solo propaganda e poi “fuffa”.Tripoli non è stato l’unico a batter cassa, anche la dimissionaria Rosanna Balistreri ha richiesto 6 mila euro, regolarmente liquidati con determina n. 176/16.

Due casi dove la coerenza si è mandata a fare benedire…

 

1 2 3 12

Per migliorare il servizio il Moralizzatore e i suoi partner utilizzano i cookie. Continuando la navigazione del sito ne accetti l'utilizzo. Se desideri maggiori informazioni sui cookie e su come modificare le impostazioni del tuo browser, leggi la nostra politica in materia di cookie. Maggiori informazioni

vai su su