Continua lo scontro sulla Tav, botta e risposta tra Di Maio e Salvini

in politica di

Ne riparliamo da lunedì in avanti. Io sono per fare e non per disfare“. Con queste parole Salvini si congeda dai giornalisti presenti al Senato sul caso spinoso della Tav, che ogni giorno di più sta logorando il governo giallo-verde. Nessun chiarimento dunque da parte del leader della Lega, che ieri aveva messo in allarme gli alleati dichiarando: “Io conto di continuare a fare il ministro con questa formazione a meno che i no non diventino troppi“. Non sembra sulla stessa lunghezza d’onda il suo collega Luigi Di Maio, il quale, in una conferenza ad hoc convocata a Palazzo Chigi ha risposto: “ieri sera sono rimasto abbastanza interdetto che la Lega abbia messo addirittura in discussione il governo, legandolo al tema Tav“. Continua il Ministro del lavoro: “Quando l’analisi costi-benefici ha detto che alcune opere, su cui il Movimento era contro, dovevano andare avanti, noi l’abbiamo accettato. Non si può fare gli arbitri a fine partita dicendo: l’analisi non convince. Questo è il nostro metodo d’azione, altrimenti poi dobbiamo rimettere in discussione ogni volta che non piace il risultato“. Conclude Di Maio: “Non mi si può dire ci vediamo lunedì. Questo è un fine settimana di lavoro, in cui si devono portare a casa gli obiettivi che abbiamo messo nel contratto“.

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*