Senato, passa il decretone su reddito di cittadinanza e quota cento

in politica di

Con 149 voti favorevoli, 110 contrari e 4 astenuti, è passato questa mattina il decretone su reddito di cittadinanza e quota cento. Queste due misure, simbolo della maggioranza giallo-verde che sostiene il governo, dovranno poi passare alla Camera per il via libera finale. Non sono mancate nella seduta odierna momenti di tensione tra maggioranza e opposizione, con la presidente Casellati che è dovuta intervenire in più di un’occasione per far rispettare l’ordine dell’aula. Tra questi c’è, ad esempio, la dichiarazione di voto contrario al provvedimento della capogruppo Bernini accompagnata dai gilet azzurri indossati dai senatori di Forza Italia con la scritta: “Sì lavoro, no bugie”. La presidente del Senato ha quindi sospeso i lavori attaccando il suo gruppo politico di provenienza con un duro: “Il folklore non appartiene all’aula del Senato ma soltanto alle piazze, vergogna“. Un’altra bagarre si è consumata quando ha preso la parola Paola Taverna del Movimento 5 Stelle, la quale ha attaccato durante il suo intervento sia il PD che Forza Italia. Anche in questo caso la Casellati si è rivolta alla pentastellata con un: “Si limiti a fare una dichiarazione di voto tranquilla“.

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*