Vaccini, botta e risposta tra Salvini e Burioni

in politica di

Che i vaccini siano utili è fuori di dubbio, io i miei figli li ho vaccinati, ma vanno bene 4 vaccini. Imporre indiscriminatamente 10 vaccini contemporaneamente è un rischio enorme per i bambini“. Questa è l’opinione che Matteo Salvini ha espresso a Radio Anch’io sui vaccini, sicuramente uno dei temi più caldi dell’ultimo periodo nel nostro Paese. A commentare la presa di posizione del leader della Lega è stato, tra gli altri, Roberto Burioni. Il celebre immunologo, ormai sempre più presenza fissa su Facebook, ha infatti commentato sulla sua pagina: “E’ ufficiale: abbiamo un nuovo immunologo. Salvini ha appena detto “dieci vaccini obbligatori sono un rischio enorme“. Ora vorrei capire. I “dieci vaccini” vengono usati con le stesse dosi e con le stesse tempistiche in tutto il mondo, in quanto sono ritenuti indispensabili per la salute pubblica, e in tutto il mondo vengono ritenuti sicurissimi ed efficaci“. Continua Burioni: “Sarebbe bene che qualcuno dei medici che votano Lega comunicasse a Salvini che tra l’Italia e gli altri paesi ci sono due differenze. La prima è che negli altri paesi gli stessi dieci vaccini – sicurissimi e fondamentali, altroché rischio – vengono fatti volontariamente senza bisogno di obbligo. La seconda è che in molti di quei paesi i dieci vaccini sono a pagamento, mentre da noi sono – giustamente – tutti gratuiti“. Infine, l’immunologo conclude  con un attacco frontale: “Penso che sia gravissimo che chi vuole governare il nostro paese, per fini elettorali, arrivi a diffondere pericolose bugie per raccattare i voti della parte peggiore del paese, che un politico responsabile dovrebbe recuperare attraverso una accurata informazione e non sobillare con irresponsabili bugie. Ma parli della riapertura dei postriboli, che fa meno danni!!!“.

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*