“Aiutiamoli a casa loro”, la frase di Renzi fa infuriare il web

in cronaca/politica/Satira di

Molti militanti e simpatizzanti del Partito Democratico si saranno trovati spiazzati nel leggere in queste ore, proprio sulla pagina ufficiale del PD lo slogan “aiutiamoli a casa loro”, riferito ai migranti. La card, che è stata rimossa dopo qualche minuto, era in realtà più complessa e riportava un estratto del libro “Avanti!”, che il leader democratico presenterà tra una settimana. Certo è che in molti, tra cui Enrico Mentana, hanno fatto confusione a distinguere Renzi dall’altro Matteo, ovvero il segretario della Lega Nord. E non è un caso che proprio da lui arriva il post forse più graffiante di questa giornata piena di polemiche: Salvini infatti riprende lo stesso virgolettato commentandolo con un sardonico “scegli l’originale”.

Insomma, una giornata di crisi per Renzi che ultimamente appare un po’ in difficoltà proprio su quella comunicazione tanto cara che gli aveva fatto scalare il partito fino a portarlo a Palazzo Chigi, prima dell’infausto 4 dicembre. L’ex premier ha provato a spiegare, sempre sui social, il suo pensiero prima iniziando il suo commento dichiarando che “Ho fatto una scommessa affascinante: parlare di cose serie sui social. Non rincorrere i “mi piace”, ma affrontare temi difficili, delicati. E discuterne” per poi continuare scrivendo “aiutiamoli a casa loro significa aumentare i denari per la cooperazione internazionale, noi lo abbiamo fatto. Questo significa “Aiutiamoli a casa loro”: non è retorica ma è un progetto articolato, complessivo”.

Queste parole non sembrano avere però sortito gli effetti sperati e ancora non si placano le polemiche. Ma invece di mostrarvi i commenti più duri, quelli più polemici o, ancora, quelli della sinistra dura e pura che attacca “una deriva sempre più a destra di Renzi, che è il figlio di Berlusconi etc. etc.”, ci sembra più incisivo riprendere la campagna satirica dei Socialisti Gaudenti, i quali si stanno letteralmente scatenando nel commentare queste parole. Perciò, ecco a voi un po’ di buon umore.

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*