Il nuovo cammino di Santiago: in Sicilia apre la Magna via Francigena

in Cultura di

Riaperta la Magna via Francigena, che attraversa Palermo, Agrigento e Caltanisetta, lunga ben 160 km. Il percorso è divisibile in otto tappe da 20-25 km ciascuna. L’obiettivo è quello di riattivare il turismo religioso. A giugno il percorso inaugurale.

La Curia Arcivescovile di Agrigento ha dato il via alla riapertura della Magna Via Francigena, il percorso che collega la Balarm araba alla rocca di Agrigentum, lunga ben 160 km. Storicamente, la via permetteva il collegamento delle principali città sicule con i grandi centri europei e non. Su un antico documento normanno risalente ai primi decenni del secolo scorso, leggiamo “Ten odon, ten megalen ten Fragkikon tou Kastronobou“. La dicitura, scritta in greco viene tradotta in latino come “magna via francigena castronobi“. Furono quindi gli stessi normanni a dare un tocco di “francesità” alla via, mentre “magna” è in riferimento alla sua ampiezza e importanza.

A giugno è stato indetto il percorso inaugurale che prevede 8 tappe da 20-25 km ciascuna. Lungo il cammino, è possibile incrociare agriturismi e hotel. Il percorso, che si accinge a diventare il nuovo Cammino di Santiago all’italiana, è pensato per viandanti e turisti che vorranno scoprire – o riscoprire – una Sicilia celata e inesplorata. Ma soprattutto si tratta di un vero e proprio pellegrinaggio “a Roma devotionis causa“.

Il nostro obiettivo è quello di riattivare il turismo religioso utilizzando la rete dell’albergo diffuso

informa Francesco onorato, sindaco di Castronovo di Sicilia (PA), primo dei 13 comuni siciliani ad aver aderito al progetto. I pellegrini potranno infatti riposarsi in appositi spazi concessi da varie parrocchie o associazioni. È inoltre stato chiesto ai proprietari di abitaizoni sfitte di metterle a disposizione per il progetto ad un prezzo ribassato. O ancora, i pellegrini potranno trovare ristoro e riposo nei classici ostelli della gioventù o nei vari bed&breakfast sparsi lungo la via.

Il progetto

Quello della riapertura della Magna via Francigena, è un progetto che vede la collaborazione e promozione del comune di Castronovo di Sicilia, che primo tra tutti si è prodigato per la sua riuscita. Tra i maggiori partner la Diocesi di Agrigento e l’Associazione “Amici dei cammini francigeni di Sicilia” . Sostenuto dal Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo. Ancora sono da menzionare l’assessorato al turismo, allo Sport e allo Spettacolo della regione Sicilia.

Il progetto punta alla (ri)scoperta e (ri)valorizzazione della cultura degli itinerari di pellegrinaggio. Il percorso, che si snoda attraverso suggestivi paesaggi, è anche un’occasione per rivivere e far rivivere la cultura e la storia della sicilia e dei siciliani. 

 

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Calabrese della provincia di Cosenza. Diplomata al liceo scientifico, ora vive a Messina, iscritta al corso di laurea di Scienze dell'Informazione e giornalismo. La sua ambizione più grande è quella di diventare una firma importante e reporter nei Paesi maggiormente disagiati per raccontare storie di vita quotidiana, mai ascoltate e mai banali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*