Interessi, pressioni e ingerenze. Le lobby, cosa e quante sono

in politica di

Il fenomeno delle lobby continua a espandersi in Europa e nel mondo. L’Italia è tra i primi 5 paesi con il maggior numero di strutture. Grazie al registro per la trasparenza delle lobby è oggi possibile conoscere la disposizione geografica delle circa 10.000 strutture accreditate.

Lobby” è un termine ormai entrato a far parte del linguaggio comune, anche se, a dir la verità, pochi sanno veramente di cosa stanno parlando. Il termine – che deriva dal latino “laubia” (tribuna) – fa la sua prima apparizione nella Gran Bretagna del XVII secolo. Veniva solitamente usato per indicare uno spazio aperto all’interno delle Camere in cui parlare e discutere liberamente con gli esponenti del Governo inglese. Da qui l’accezione – spesso dispregiativa – di “portatori di interesse” o “gruppi di pressione”. Di fatti, con il termine lobbismo si intende la pratica con cui i “lobbisti” investono denaro per comprarsi i favori di uomini politici e piegarli alle loro esigenze. In altre parole, quei gruppi che influenzano – direttamente o indirettamente – l’azione della politica interna.

Nell’Unione Europea solo 6 su 28 degli stati membri possiedono un registro che regolamenti il lavoro delle lobby. Si tratta di Austria, Irlanda, Lituania, Polonia, Regno Unito e Slovenia. In Italia esse agiscono per lo più in segreto a causa soprattutto di un’assente regolamentazione. A partire dall’anno appena trascorso, però, si sta tentando di risolvere la questione.

Dal registro di trasparenza delle lobby emanato dall’UE, emergono i primi significativi numeri. 9772 le organizzazioni accreditate sul territorio comunitario, di cui 1964 in Belgio, 1235 in Germania, 1071 in Regno Unito, 982 in Francia, e 712 in Italia. Circa il 91% dunque ha sede nei Paesi dell’Unione e il restante 9% in altre nazioni. Gli Stati Uniti, con 335 lobby accreditate si classificano all’ottavo posto a livello generale.

 

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Calabrese della provincia di Cosenza. Diplomata al liceo scientifico, ora vive a Messina, iscritta al corso di laurea di Scienze dell'Informazione e giornalismo. La sua ambizione più grande è quella di diventare una firma importante e reporter nei Paesi maggiormente disagiati per raccontare storie di vita quotidiana, mai ascoltate e mai banali.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*