Prigionieri in casa a causa dei cantieri, la storia di Roberta disabile in carrozzina

in cronaca/DenunciaTu di

Ero abituata ad uscire da casa ogni giorno. Ero piuttosto indipendente. Ora no

Continuiamo a occuparci dei gravi disagi di via Siciliauna delle strade coinvolte nei lavori del cantiere dell’anello ferroviario. Questa volta abbiamo incontrato Roberta Cascio, residente e disabile, in compagnia della madre, un’anziana signora che si trova a fare i conti con i problemi portati dal cantiere. Vi parleremo delle grosse difficoltà che affrontano gli anziani e i disabili del quartiere.

LA DENUNCIA DI UNA DISABILE

Roberta, che ci ha accolti nella propria abitazione in via Sicilia, denuncia una situazione sconvolgente e racconta come è cambiata la propria vita da quando sono iniziati i lavori.

Come vi avevamo raccontato, da qui non passano neanche i vigili. Le auto sostano ovunque: in doppia fila, sulle strisce pedonali e non solo. Come racconta Roberta: “gli scivoli (per disabili) non li hanno mai fatti  e spesso e volentieri quei pochi scivoli che ci sono, sono occupati dalle macchine”.

Transitare in carrozzina per le strade del quartiere non è assolutamente semplice. Roberta prosegue: “una  cosa che notiamo tutti qua è la mancanza dei vigili. C’è gente che ha il coraggio di parcheggiare negli unici passaggi pedonali che ci sono”.

LA PAURA DEGLI ANZIANI

È così che il cantiere ha cambiato le abitudini di vita di un quartiere intero.

La madre di Roberta racconta, invece, le difficoltà degli anziani. Le strade vuote, (molte attività commerciali sono state costrette a chiudere) ora più di sempre, spaventano e quasi costringono gli anziani a stare in casa.

Abbiamo paura, non c’è nessuno in giro. Prima passavano macchine e gente. Ora la gente non passa più perché non ha dove andare

LA TOTALE INDIFFERENZA DEL COMUNE DI PALERMO

Roberta sottolinea il problema principale della questione: sono pochissimi- sei o sette- gli operai impegnati nei lavori di un cantiere troppo grande. A questi operai spetta un durissimo lavoro, svolto in turni massacranti.

Residenti e negozianti siamo stati completamente abbandonati dal Comune. Non abbiamo completamente degli interlocutori che ci diano ascolto. Il Comune, anche se non è l’ente appaltante, dovrebbe tutelare sia i residenti che i negozianti, ma non è stato accolto nulla”.

Purtroppo, richieste e proposte per agevolare la vita dei residenti e dei commercianti sono state ignorate puntualmente, fino ad arrivare a questa indecente situazione.

È come se noi in questo momento fossimo terra di nessuno

 

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Classe 1988, nata a Palermo. Laureata in Lettere Moderne, dopo un'esperienza a Milano, studia Teorie della Comunicazione presso l'Università di Palermo. In campo universitario si è occupata con passione di ricerche antropologiche. Due grandi passioni: stare a contatto con la gente e raccontare. La collaborazione con Moralizzatore è il primo passo verso nuove avventure

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*