L’appello di un volontario:”tutti i comuni dovrebbero fare prevenzione”

in cronaca/Prima pagina di

La casa si ricostruisce, la vita no

“Questa mattina siamo scappati fuori. Tutti i vicini erano spaventati e gli anziani scioccati”.

La giornata di Marco Cimini, ex volontario della Croce rossa italiana e abitante di Terni, è iniziata con un forte boato e la fuga fuori da casa. Terni, città a 70 km dall’epicentro conosce bene il terremoto.

Marco ci racconta che fortunatamente a Terni non ci sono stati danni di alcun tipo. Tuttavia, la scossa si è sentita molto forte.

Abbiamo avuto tanta paura

“Terni è una città molto giovane. Dopo il terremoto del ’97 ad Assisi, è stato creato un piano di sicurezza per regolarizzare le città dell’Umbria. Le nostre case sono nuove –prosegue- ma chi si fida? Abbiamo avuto tanta paura”.

Siamo in una zona che non perdona. È una linea di distruzione

Marco, parlando dell’Appennino umbro-marchigiano, racconta l’insicurezza di chi vive in questa terra e ne conosce l’imprevedibilità da un lato, gli effetti quando trema dall’altro.

Pertanto, vuole sottolineare l’importanza della prevenzione: “questo territorio è circondato da città medievali come Assisi, Norcia, Narni, Orvieto. In queste città spesso non c’è prevenzione e la maggior parte delle costruzioni sono di pietra. Terni è una città molto antica ma ha regolarizzato con un piano di sicurezza. Si dovrebbe prevenire per evitare tragedie”.

“SACRIFICI DI UNA VITA BUTTATI VIA IN UN SECONDO”

Marco continua a raccontare la propria esperienza con il terremoto e volgendo uno sguardo al passato, pieno di speranza, racconta alcuni dei propri ricordi da volontario della Croce Rossa con i terremotati de L’Aquila e di Amatrice e pone l’accento sulla solidarietà che ha vissuto durante quei momenti tragici e di sconforto

Un conto è vederlo in tv, un conto è viverlo in persona. Fa tanto male, fa tanto riflettere. La solidarietà è stata spontanea e ognuno ha fatto qualcosa. Eravamo come organizzati, perché sapevamo cosa ci aspettava. Di lacrime ne ho versate tante. C’è chi paga il mutuo di casa e poi la casa se la ritrova crollata e con un familiare in meno. Sacrifici di una vita buttati via in un secondo

LA SCOSSA PiÙ FORTE IN ITALIA DAL 1980

La terra continua a tremare. Stamattina una forte scossa di magnitudo 6.5, con epicentro tra Norcia, Preci e Castel Sant’Angelo sul Nera, ha svegliato gran parte dell’Italia.

La scossa infatti è stata avvertita non solo in tutto il Centro Italia, ma anche dalla Puglia a Bolzano. È il sisma più forte in Italia da 36 anni.

Fabrizio Curcio, capo della protezione civile comunica che al momento non ci sono morti, solo due feriti gravi. Altissimo, invece, il numero degli sfollati.

Il presidente della Regione Marche: “almeno 100 mila persone dovranno avere assistenza”.

RENZI, NO ALLE TENDE

Durante la conferenza stampa, Renzi da Palazzo Chigi rassicura i cittadini e garantisce che non verranno utilizzate tende.

Il premier garantisce a tutti la possibilità di soggiornare in albergo e rinnova il proprio appello affinché tutti i sindaci facciano progetti di adeguamento sismico.

CROLLA LA BASILICA DI SAN BENEDETTO A NORCIA

101736151-3f9db91c-19fc-4ba6-bcad-526dd2522c55

Il fortissimo terremoto ha distrutto la Basilica di San Benedetto.

“È come se fosse venuta giù la città”, ha detto l’assessore comunale di Norcia Giuseppina Perla.

Affranto il sindaco Pietro Luigi Altavilla:

È stata come un’esplosione che non finiva mai. Siamo letteralmente in ginocchio. È una situazione durissima per chi vive come noi di turismo. Tutto il centro storico è stato evacuato. Non so quando sarà possibile rimetterlo in piedi

Il forte sisma di stamane ha raso al suolo anche la frazione Castelluccio di Norcia, località che resta isolata. Le strade per raggiungere la frazione sono infatti inagibili a causa dei crolli e delle spaccature causate dalla scossa.

È cambiato per sempre il panorama di quella zona sull’altopiano di Norcia

Così commenta un tecnico che ha svolto i controlli in loco. ac4f05bd235d4ec9668dd7a8fc2ab405

Il Centro Italia vive, ancora una volta, momenti di paura e di precarietà.

Disperazione anche nelle parole di Mauro Falcucci, Sindaco di Castel Sant’Angelo sul Nera:

Non c’è più niente. Si è aperta la terra

 

 

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Classe 1988, nata a Palermo. Laureata in Lettere Moderne, dopo un'esperienza a Milano, studia Teorie della Comunicazione presso l'Università di Palermo. In campo universitario si è occupata con passione di ricerche antropologiche. Due grandi passioni: stare a contatto con la gente e raccontare. La collaborazione con Moralizzatore è il primo passo verso nuove avventure

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*