Creathon: verso un Ellenismo digitale

in blog/Home di

È possibile un utilizzo intelligente, sano e consapevole delle nuove tecnologie? È possibile che il vasto universo digitale, che oggi permette al mondo di abbattere parte dei limiti imposti dalle distanze geografiche, possa rivelarsi foriero di strumenti utili alla crescita e al dialogo tra le culture? A quanto pare, è possibile, e Creathon ne è la prova.

Il 13 e il 14 ottobre 2016 presso il Real Collegio di Lucca si terrà la maratona di creatività Creathon nel corso della XII edizione del LuBeC, l’incontro dedicato ai Beni Culturali, alle Nuove Tecnologie e al Turismo.

Fino al 12 settembre 2016 squadre multidisciplinari composte da umanisti e digital makers (sviluppatori, informatici, ingegneri, operatori culturali, architetti) potranno iscriversi gratuitamente nella speranza di essere tra i 15 team che avranno occasione di sviluppare un’idea digitale per favorire ed implementare il consumo di cultura.

Un’iniziativa di respiro europeo, che offre ai talenti italiani la possibilità di confrontarsi con il panorama culturale e tecnologico internazionale, e soprattutto di contribuire alla crescita e allo sviluppo di strumenti utili a una fruizione sempre più immediata e semplice delle preziose (e numerose) risorse culturali.

App, portali, sistemi, prototipi di prodotti o servizi reali e/o virtuali saranno protagonisti di una gara che avrà come obiettivi fondamentali:

  • sviluppare servizi e soluzioni per il sistema culturale nella sua accezione più ampia;
  • stimolare un più ampio accesso diretto alle risorse dei territori attraverso l’uso delle tecnologie;
  • favorire il raggiungimento e l’ampliamento dei pubblici;
  • creare prodotti e servizi per migliorare il posizionamento dei territori culturali verso fasce di pubblico differenziate.

I vincitori, fino al terzo classificato, riceveranno premi in denaro, dispositivi elettronici e vedranno il proprio progetto pubblicato sui portali di Lubec.it.

L’iniziativa, organizzata da Promo PA Fondazione, con il sostegno della Camera di Commercio di Lucca e del Polo Tecnologico Lucchese e in collaborazione con il MiBACT, Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e Samsung Electronics Italia, si rivolge in primis ai giovani, ma in generale a tutti i creativi capaci di coniugare due importanti aspetti del nostro tempo che non possono più restare isolati, ma che devono inaugurare una solida relazione, fondata su un unico obiettivo: l’abbattimento delle barriere culturali (e sociali) e la diffusione di una forma mentis di tipo ellenistico, aperta al dialogo, al cambiamento, alla possibilità di un progresso intelligente, ma sempre gelosamente consapevole delle proprie, preziose, risorse culturali. Soltanto attraverso ciò che abbiamo ereditato sarà possibile costruire passo dopo passo, click dopo click, un avvenire florido che potremo orgogliosamente riconoscere come il nostro retaggio.

Regolamento:   http://www.lubec.it/regolamento-creathon.html

Se questo articolo ti è piaciuto, ti consigliamo di seguirci su Telegram per restare sempre aggiornato su temi simili oppure su Facebook. Ci trovi anche su Twitter, dove leggerai tutti i titoli dei nostri articoli. Iscriviti infine al nostro canale YouTube per non perderti i nostri video!

Alessio Arena nasce a Palermo il 12 ottobre 1996. Appassionato di arte, musica, letteratura e cinema, inizia fin da bambino a scrivere canzoni, poesie e racconti. Frequenta il corso di Laurea in Lettere dell’Università degli Studi di Palermo, dopo essersi diplomato con il massimo dei voti al Liceo Classico. È riconosciuto «tessera» del Mosaico di Palermo e del Mosaico di Cefalù. Riceve inoltre dei riconoscimenti dalla Regione Siciliana e dall’Università degli Studi di Palermo per il suo impegno artistico e culturale e per avere contribuito attraverso le sue opere letterarie a dare lustro alla sua terra. Nel 2016 vince il I Premio Internazionale “Salvatore Quasimodo”. È annoverato dall’Accademia de’ Nobili di Firenze tra i «Poeti italiani del nostro tempo». Costantemente impegnato in campo culturale, è socio di numerose associazioni culturali, tra le quali la Società Dante Alighieri, la Società geografica italiana e l’Associazione Amici dell’Accademia della Crusca di Firenze. È stato nominato per meriti artistici e culturali Cavaliere Accademico dell’Accademia Collegio De’ Nobili di Firenze, istituzione culturale italiana che dal 1689 si prodiga per la tutela e la diffusione della Letteratura italiana. Dal 2016 è Presidente della Sezione Giovani della Società Dante Alighieri di Palermo, fondata a Roma da Giosuè Carducci nel 1889. Dal 2016 è Segretario del Gruppo di Ricerca sull’Estetica della vita quotidiana Everyday Aesthetics Network, nato all’interno della Scuola delle Scienze Umane e del Patrimonio Culturale dell’Università degli Studi di Palermo e coordinato dalla Prof.ssa Elisabetta Di Stefano.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*